Franchising

E’ nata Astelux

Astebook crea la nuova sezione di aste telematiche dedicate al luxury

A 8 anni dalla partenza di Astebook la prima realtà in Europa che opera nel mondo delle aste telematiche, Astebook crea una nuova sezione dedicata al Luxury che tratterà principalmente opere d’arte, gioielli, auto d’epoca, imbarcazioni e potrà essere visitata direttamente sul portale Astebook.it.

Astebook è l’unica società operante nel settore giudiziario a garantire un servizio pensato per i beni di lusso, sia per quanto concerne gli aspetti relativi all’aggiudicazione di beni rifugio, sia per quanto riguarda la parte legata ai sequestri di beni per via giudiziaria.

La prima asta sarà il prossimo 17 novembre e avrà come oggetto gioielli antichi con un valore di asta totale di 5 milioni di euro.

La seconda asta è prevista, invece, per il 17 dicembre e sarà esclusivamente dedicata alla vendita di una importante collezione provata di opere d’arte con quadri di Guido Reni, Annibale Carracci, Alfred Sisley, Emilio Vedova e molti altri autori.

La collezione conta oltre 100 dipinti con basi d’asta che partiranno da poche migliaia di euro fino ad arrivare a 500.000 euro ed oltre.

Tutte le opere d’arte saranno tracciate attentamente dando vita ad una vera e propria carta d’identità digitale dell’opera certificata su blockchain.

101CAFFE’: al via la prima campagna pubblicitaria nazionale

“Scegli il tuo gusto!” è lo slogan che firma la comunicazione della prima campagna pubblicitaria nazionale di 101CAFFE’.

La prima campagna pubblicitaria nazionale andrà in onda dal 20 settembre al 31 ottobre 2020 sull’emittente televisiva LA7.

“Scegli il tuo gusto” perché nei negozi 101CAFFE’ si trova la più ampia gamma di caffè e bevande in cialde e capsule, grani e macinati, per tutte le macchine da caffè, una connotazione che rende il marchio unico al mondo, per i suoi prodotti al passo con le nuove tendenze di consumo e per i suoi format sempre più innovativi.

La campagna è stata realizzata dall’agenzia creativa milanese AmikAj. Lo spot è stato girato nel negozio 101CAFFE’ di Torino, all’interno di uno dei più importanti Mall della città, una location ideale per le dimensioni e le caratteristiche necessarie ad effettuare le riprese, guidate dalla magistrale regia di Max Mellano.

“Per la strategia media abbiamo scelto LA7 non solo per l’affinità di pubblico, ma anche per l’affinità di Visione con il gruppo Cairo, volendo trasmettere un messaggio positivo al consumatore, dopo il momento storico che abbiamo vissuto”, dichiara Umberto Gonnella, CEO e fondatore di 101CAFFÈ.

La sceneggiatura dello spot mette in evidenza i valori su cui si basa l’identità del marchio: 60 secondi per presentare la territorialità, la cultura del caffè, la libertà di scelta, l’italianità.

“Abbiamo privilegiato questo formato per darci la possibilità di raccontare in modo esteso quello che siamo, per mostrare le unicità dei nostri prodotti. Una rete fatta da tanti negozi in franchising, con caratteristiche e modi propri di porsi ai clienti. Siamo tutti sotto la stessa insegna, ma valorizziamo le diversità che ciascun territorio può esprimere, sia in termini di prodotto, perchè selezioniamo le migliori torrefazioni d’eccellenza, che in termini di persone che si trovano nei nostri negozi. 60 secondi tra unicità ed allegria degli attori che raccontano i prodotti con l’accento delle diverse Regioni, parlando con le loro inflessioni tipiche e con le loro cadenze”, aggiunge Umberto Gonnella. Lo spot, oltre che su LA7, avrà diffusione su Youtube e sui canali social del brand e sarà declinato anche in 15” e 7”.

“Abbiamo scelto un ambasciatore del nostro marchio, Stefano Andrea Macchi, attore e doppiatore poliedrico e versatile, che abbraccia i nostri stessi valori e li sa raccontare. Un testimonial molto credibile, che rappresenta bene il nostro modo di essere italiani e a cui dare fiducia. Stefano ha saputo rappresentare la briosità e l’energia del caffè, grazie all’empatia con cui racconta quello che siamo. E’ stato un casting impegnativo e siamo molto contenti di averlo scritturato”, prosegue Umberto Gonnella.

Lo spot si apre con il nostro “uomo-brand” che da il benvenuto all’interno del negozio 101CAFFE’ e presenta il marchio, insieme ad altri protagonisti che sono i nostri Affiliati e che rappresentano l’identità di 101CAFFE’ in tutta Italia: caffè dalle torrefazioni italiane d’eccellenza, l’ineguagliabile gamma di bevande e non potevano mancare i grandi marchi. Lo spot si conclude con l’invito a venire nei negozi e la “call to action”: la promozione eccezionale delle macchine a marchio 101CAFFE’.

“Il lancio della campagna rappresenta per noi un traguardo molto importante, che testimonia la crescita e la solidità del marchio, leader nella vendita di bevande e caffè porzionato di alta qualità, attraverso una rete di oltre 120 punti vendita in franchising in Italia e all’estero, un successo che è frutto del lavoro dei nostri Affiliati e di uno straordinario team”, conclude Umberto Gonnella.

VAN4YOU presenta il nuovo www.van4you.it

Una nuova veste grafica più fresca, ottimizzazione per i dispositivi mobili (cellulari, tablet, ecc.) ed impronta user friendly: ecco il nuovo portale VAN4YOU!

Da sempre attenta alla comunicazione in tutte le sue forme, VAN4YOU è impegnata quotidianamente nel mantenimento dell’immagine del Brand e il suo sforzo, teso a fornire costantemente un servizio di “Prima Classe” -dall’iniziale contatto con il Cliente fino alla riconsegna del veicolo al termine del noleggio- ha portato l’azienda a rinnovare anche il sito internet.

VAN4YOU apre il primo Centro Pilota nel Maggio 2010, con la volontà di diventare la realtà di riferimento nel settore del noleggio di veicoli commerciali leggeri, tutti guidabili con la patente B. La forza del concept definito permette di rispondere positivamente a qualsiasi esigenza di noleggio da parte del Cliente, sia esso a breve, medio o lungo termine e di esprimere al meglio quelle che sono le caratteristiche e l’identità del marchio VAN4YOU.

Affiliarsi a VAN4YOU significa far parte di una dinamica realtà imprenditoriale che ha l’obiettivo di offrire servizi per il trasporto innovativi e modulari, che risultano apportare un indiscusso valore aggiunto al successo e alla mobilità delle aziende e delle persone che serviamo.

Visita il sito o scrivi a franchising@van4you.it per ricevere maggiori  informazioni.

Checkpoint Systems. Il partner tecnologico dell’innovazione del settore Retail

Divisione di CCL Industries – gruppo leader mondiale nelle soluzioni per etichette e packaging per società, piccole imprese e consumatori – Checkpoint Systems è l’unico fornitore di soluzioni antitaccheggio RF e gestione inventario con RFID verticalmente integrate che offre etichette, hardware e software e soluzioni connesse in cloud per tutta la filiera del settore retail.

Le soluzioni di Checkpoint aiutano a brandizzare, proteggere e tracciare la merce dalla fase di produzione fino al consumatore, ottimizzare le operazioni di vendita con dati utilizzabili in tempo reale, precisione delle scorte, vendite omnichannel efficienti, migliori performance finanziarie e una migliore esperienza per il consumatore.

Fin dall’inizio della pandemia da COVID-19 e del conseguente lockdown, l’azienda ha supportato i retailer italiani con soluzioni tecnologiche mirate al rispetto delle normative e a garantire la sicurezza delle persone con un pacchetto di soluzioni SaferShopping. Tra le proposte per una riapertura in sicurezza SmartOccupancy, soluzione contapersone, per il contingentamento degli ingressi con cui i retailer hanno avuto da subito la possibilità di gestire eventuali criticità dei flussi in modo semplice ed affidabile, avendo sempre e in tempo reale visibilità totale sul numero degli utenti che si trovavano all’interno del punto vendita.

Questa soluzione è nata proprio per rispondere alla necessità di garantire il rispetto dei piani di sicurezza imposti dalle normative vigenti nel regolare il flusso di persone all’interno di aree di pubblico interesse, quali teatri, cinema o locali d’intrattenimento, e aree private, quali Centri Commerciali, banche, farmacie e uffici. Il sistema è basato su una piattaforma tecnologica che tramite una serie di sensori posti all’interno dei varchi di ingresso e di uscita di una specifica area delimitata, conteggia, appunto, in tempo reale accessi e uscite e genera degli alert visivi ed acustici che consentono al gestore di bloccare le persone al raggiungimento di soglie preimpostate.

Abbiamo risposto all’esigenza cruciale del settore anche con un sistema all’avanguardia per la termomisurazione. La nostra soluzione SmartTemperature, sempre parte del pacchetto SaferShopping, che permette ai retailer di rilevare a distanza la temperatura del singolo utente/cliente in fase di accesso in qualunque luogo delimitato. Esso viene bloccato automaticamente nel caso presenti stati febbrili e quindi rappresenti un potenziale portatore di agenti patogeni. Un sensore termografico integrato nella soluzione è in grado di riprendere contemporaneamente più persone e di individuare solo quella che ha la febbre, da una distanza di 3 metri, grazie all’Intelligenza Artificiale integrata. La certezza di sicurezza per le persone deriva dal fatto che un avviso arrivi in tempo reale tramite tablet o desktop agli addetti al controllo, che possono quindi prendere decisioni immediate per la sicurezza di tutti.

Un altro, altrettanto importante, fattore su cui i retailer stanno riflettendo in preparazione del new normal del post-Covid sono le differenze inventariali. I numeri del fenomeno sono impietosi e noi di Checkpoint sappiamo bene che chi non investe per contrastare il fenomeno del taccheggio attivamente ne registra in modo diretto una forte crescita. Sensibilizziamo da sempre il settore sul fatto che un programma di protezione alla fonte, abbinato a sistemi antitaccheggio innovativi ed efficienti, può ridurre notevolmente le differenze inventariali e distribuire valore aggiunto attraverso la supply chain, incrementando le vendite e riducendo l’out-of-stock. Da una maggiore velocità di rifornimento degli scaffali, nessuna manipolazione delle merci, protezione costante e garantita tramite etichette applicate in fase di produzione, riduzione e contrasto alle differenze inventariali, integrità estetica dei prodotti grazie ad un packaging che li protegge dai furti, sono molti i benefici già evidenti alle aziende che utilizzano i nostri sistemi.

Da oltre 50 anni analizziamo i cambiamenti del settore per rispondere con soluzioni tecnologiche all’avanguardia e progettate sulle specifiche esigenze di ogni cliente, e oggi, nella transizione al new normal, siamo coscienti che la digital transformation passi anche dalla connettività dei sistemi presenti nel punto vendita. Sistemi antitaccheggio connessi, gestione da remoto e raccolta dati contapersone in un’unica piattaforma permettono di portare l’innovazione nel punto vendita ad un livello superiore, offrendo numerosi strumenti a più aree operative, loss prevention, marketing e vendite, risorse umane, per una ripartenza in sicurezza.

Infine, vogliamo portare all’attenzione di come l’implementazione di soluzioni antitaccheggio RF e contapersone, abbinate alla business intelligence, rientrino a pieno titolo nei programmi del governo dell’Impresa 4.0, grazie all’apporto tecnologico che queste soluzioni offrono, a tutto vantaggio degli imprenditori e dei consumatori.

Rapporto Assofranchising Italia 2020: strutture, tendenze e scenari

Con oltre 26 miliardi di euro, il franchising fa crescere l’Italia. E a ottobre torna il Salone Franchising Milano

I dati del 2019 confermano la forza della Rete: +4.4% giro d’affari, + 5% occupati e +4,7% nuovi punti vendita. In crescita anche l’estero. Annunciato il Salone Franchising Milano 2020: sarà in modalità digitale.

Con un giro d’affari di oltre 26 miliardi di euro nel 2019 (+4,4% sul 2018), il Franchising in Italia continua a creare nuovi posti di lavoro e a godere di ampi margini di crescita, come emerso dal Rapporto Assofranchising 2020 (dati al 31 dicembre 2019).
Il Rapporto è stato presentato oggi, 16 luglio, a Milano da Assofranchising in una conferenza stampa web realizzata in collaborazione con Salone Franchising Milano, in occasione della quale è stata annunciata la 35a edizione della fiera, che si svolgerà in streaming dal 22 al 24 ottobre 2020 e di cui Assofranchising è main partner.

RAPPORTO ASSOFRANCHISING 2020: Principali indicatori
I dati illustrano la realtà del Franchising in Italia, un settore sano e in continuo sviluppo:

  • 56.441 i punti vendita in crescita del +4,7% (2.555 i negozi aperti nel 2019);
  • 217.150 (+5%) addetti occupati nelle reti (10.359 i nuovi posti di lavoro creati);
  • 980 le insegne operative in Italia, +2,0% rispetto allo scorso anno di cui: 880 (90%) italiane, 71 (7%) master di franchisor stranieri in Italia, 29 (3%) reti straniere che operano in Italia solo con franchisee, ma con sede legale in un paese estero;
  • 11.035 (+1,8%) punti vendita italiani all’estero in franchising (prese in esame per il Rapporto quelle con almeno 3 punti vendita all’estero);
  • 178 (+2,3%) reti italiane all’estero.

“Sono numeri estremamente positivi, che ancora una volta dimostrano le potenzialità del franchising e sono indice della fiducia che sempre di più gli italiani nutrono nel sistema dell’affiliazione – dichiara Augusto Bandera, Segretario Generale Assofranchising -. Anche nel 2019 il franchising ha continuato a espandersi, così come lo ha fatto negli anni della crisi. Nell’ultimo decennio, è cresciuto, in media, del 2% ogni anno, creando circa 37.000 nuovi posti di lavoro. Ad oggi l’intero sistema franchising occupa più di 217.000 addetti, che contribuiscono a generare oltre 26 miliardi di fatturato, circa l’1,3% del Pil italiano. In un contesto economico come quello attuale – sottolinea Bandera – appare quasi fisiologico che il franchising, come tutti i modelli fondati sulla cooperazione e sul risk-sharing, sia favorito nella competizione di mercato. Si considerino i benefici per entrambe le parti coinvolte – franchisor e franchisee – quali ad esempio l’aumento della visibilità e riconoscibilità a livello nazionale e internazionale del marchio condiviso, il trasferimento del know-how, l’utilizzo della formula imprenditoriale che caratterizza il brand, o l’espansione aziendale dettata dalla crescita dei punti vendita”.

La presentazione dei dati di Assofranchising è stata l’occasione per il lancio dell’edizione 2020 di Salone Franchising Milano, l’evento di riferimento per il mondo del franchising e del retail che quest’anno si tiene dal 22 al 24 ottobre per la prima volta in streaming su Umans.com, la piattaforma tecnologica creata da Fandango Club in grado di riprodurre in digitale l’esperienza degli eventi offline.

“Salone Franchising Milano rappresenta un importante momento di incontro tra professionisti del settore, imprenditori, franchisee e franchisor di oggi e di domani – spiega Michele Budelli, CEO di Fandango Club, agenzia di live communication e branded content che organizza l’evento -. Proprio perché siamo consapevoli del ruolo del Salone, oggi più che mai rilevante, abbiamo deciso di non mancare l’appuntamento 2020, di ripensare il concetto di incontro e confronto, e di innovare questo appuntamento che nell’edizione 2019 ha raccolto a Fiera Milano City oltre 200 insegne del panorama del franchising e del retail provenienti da tutta Italia”.

È nata così una formula nuova di Salone Franchising Milano, che punta su incontri formativi, convegni, consulenze gratuite e, soprattutto, sul Retail Innovation Forum, un’arena di discussione con panel specifici, relatori d’eccezione e aziende leader del settore, realizzato con la collaborazione e l’apporto del gruppo Jakala, prima martech company italiana che offre supporto in ambito strategico, analytics, digital e technology. Il tutto, però, quest’anno in una dimensione digitale, aperta e gratuita.

“Tre giorni caratterizzati da un calendario fitto di appuntamenti – spiega ancora Budelli – con un focus sul Retail per fornire a chi si affaccia per la prima volta su questi mercati rilevanti occasioni di confronto e competenze specifiche, e proporre a chi invece ne è già parte le innovazioni e le soluzioni tecnologiche utili per ampliare il business, in particolare in un momento storico delicato come questo che stiamo attraversando”.

VAN4YOU: al rinnovo i primi contratti di affiliazione

Dopo 10 anni si rinnovano i primi contratti di Affiliazione in scadenza in VAN4YOU: un momento emozionante di riflessione sulla strada percorsa, sui successi raggiunti e un punto fermo per pianificare insieme i nuovi passi sempre al fianco dei nostri affiliati. Una conferma di reciproca stima e fiducia costruita nel tempo e la voglia di continuare a crescere con la passione quotidiana che contraddistingue il Gruppo.

L’Affiliato VAN4YOU può contare su un Marchio registrato, su percorsi gratuiti di formazione iniziale e successivo costante “training on the job”, su evoluti sistemi informatici per la gestione della flotta e per l’organizzazione contabile e amministrativa, sulla visibilità della propria filiale all’interno del nostro sito web, dell’accesso ai benefici di Accordi Quadro nazionali per la costituzione della flotta veicoli senza necessità di investimento nella fornitura di automezzi, di un costante e valido supporto della funzione operativa e commerciale, di una rete di assistenza e soccorsostradale attiva 24 ore su 24 in tutta Europa e un di Call Center centralizzato, oltre alla possibilità di beneficiare di eventuali accordi nazionali con i nostri Clienti multi-sede.

Affiliarsi a VAN4YOU significa far parte di una dinamica realtà imprenditoriale che ha l’obiettivo di offrire servizi per il trasporto innovativi e modulari, che risultano apportare un indiscusso valore aggiunto al successo e alla mobilità delle aziende e delle persone che serviamo.

Se vuoi realizzare il sogno di diventare Imprenditore e far parte di un Marchio con 10 anni di esperienza e 30 punti attivi in Italia affidati a VAN4YOU: potrai conoscere le caratteristiche di unicità del nostro modello, il perché funziona sia nel mondo che in Italia, cosa significa diventare Franchisee e qual è il percorso che faremo insieme.

Visita il sito o scrivi a franchising@van4you.it per ricevere maggiori informazioni.

Nasce Delò, il locker refrigerato per la consegna di cibi pronti in sicurezza per la fase 2 del lockdown

Ipotizzando una fase 2 dell’emergenza COVID-19  in cui molte aziende riapriranno, ma probabilmente mense e bar non potranno più essere presi d’assalto in pausa pranzo, Streateat lancia Delò, il primo locker refrigerato al mondo per numero di scomparti/boxin cui ricevere un pasto diverso ogni giorno, confezionato in atmosfera modificata (ATP)

Mense e bar presi d’assalto in pausa pranzo probabilmente saranno per ancora molti mesi un lontano ricordo. E’ infatti molto probabile che, in una fase due dell’ emergenza,  in cui alcune attività produttive riapriranno, il modo in cui vivremo la pausa pranzo sarà molto diverso. Mentre qualcuno già pensa di ricorrere alla tradizionale “schiscetta”, ovvero il pranzo portato da casa e consumato davanti al PC, Streeteat (http://www.streeteat.it), la startup fondata nel 2015 da Giuseppe Castronovo, nata come un aggregatore di food truck, lancia proprio in questi giorni Delò, il primo e unico locker refrigerato al mondo che permette, a chiunque lo abbia installato nei propri uffici, di scegliere il piatto che più preferisce, trovandolo in poco tempo nello scomparto assegnatogli.

Delò permette tramite un’app o da desktop di scegliere i pasti tra i 10 offerti settimanalmente e riceverli durante la pausa pranzo alla giusta temperatura e in estrema sicurezza, in linea con le norme anti contagio che sempre più si stanno consolidando come abitudini: i piatti, infatti, sono confezionati in ATP e consegnati all’utente all’interno di uno dei 48 scomparti del locker senza quindi alcun contatto diretto con il driver e senza scambio di contanti.

A differenza dei tradizionali servizi di delivery, Delò è organizzato in modo tale che possano essere consegnati, contemporaneamente fino a 48 pasti completi.

Il locker può facilmente essere inserito nei coworking e nelle grandi aziende per offrire al personale non solo un servizio innovativo, sicuro e comodo, ma anche un’esperienza culinaria in linea con il loro mood del momento.

Delò è un progetto su cui abbiamo lavorato per più di un anno– spiega Giuseppe Castronovo, CEO e founder di Streeteat – presentarlo oggi significa per noi non solo offrire una nuova esperienza culinaria ai lavoratori per la loro pausa pranzo, ma dare una una concreta soluzione ad un problema che, con il rientro alla normalità, dovrà essere preso in considerazione. Non possiamo più immaginare spazi ristretti come bar e mense sovraffollati: si dovranno proporre nuove soluzioni per il pranzo per evitare assembramenti e Delò, va incontro proprio a questa nuova esigenza delle aziende e non solo”.

Innovativo, sicuro e comodo: il progetto Delòdedicato alle aziende è un’esperienza emozionale
Nata come un’app che permetteva agli utenti di trovare il food truck più vicino, Streeteat ha cambiato strada in questi 5 anni di attività, aprendosi ai mercati degli eventi e dei catering ottenendo grandi risultati: la sua Food Court in Breranel 2018, creata in occasione del Fuori Salone, è stato un vero e proprio hub sociale, dedicato al cibo, all’eco-sostenibilità e alla sharing economy, ottenendo successo e consensi.

La prima grande metamorfosi di Streeteat è avvenuta durante questo evento: da app digitale e immateriale che aggrega food truck, punto di incontro virtuale tra domanda e offerta, a luogo fisico e reale di esperienza e condivisione.

Il passo successivo è stata la creazione di Delò, un servizio innovativo, comodo e sicuro attraverso cui fornire un’esperienza diversa e unica per la pausa pranzo dei lavoratori e che oggi si propone come alternativa alle code infinite in mense e bar sovraffollati.

La scelta dei piatti non è suddivisa a seconda dei propri gusti ma si basa sul lato emotivo. Streeteat, infatti, ha declinato quattro categorie che rispecchiano l’umore dell’utente: In cucina, In viaggio, Di corsa, Con rispetto.

Le opzioni tra cui scegliere non solo vogliono delineare quattro differenti tipologie di esperienze culinarie, ma anche regalare un momento emozionale ai fruitori del servizio.

Con Delò intendiamo rivoluzionare il concetto stesso di pausa pranzo con un servizio agile, innovativo e sicuro puntando anche sull’emozione. Delò permette di offrire ai dipendenti una pausa pranzo qualitativa con un alto valore in termini di innovazione e socialità. Insieme al locker abbiamo sviluppato un’area Delò realizzando un ambiente confortevole e accogliente, in cui quando ci saremo lasciati tutto alle spalle, sarà possibile tornare a gustare insieme il piatto ricevuto.” afferma Castronovo.

Innovazione, cultura, condivisione e sostenibilità: l’eatlosophy di Streeteat
Streeteat ha in mente di sviluppare una nuova filosofia del cibo, chiamandola propriamente eatlosophy, basandola su quattro pilastri: innovazione, cultura, condivisione e sostenibilità.

In questa nuova filosofia risiede il voler sviluppare il momento del pasto facendolo diventare un’esperienza di condivisione e socializzazione che porta a sentirsi a casa, in qualunque momento e in qualunque luogo perché al centro dell’eatlosophy ci sono le persone e i loro stati d’animo.

Dalla eatlosophy è nato Delò e tutti gli altri progetti che verranno lanciati nei prossimi mesi da Streeteat che sarà il nuovo punto di riferimento delle aziende in materia di cibo e di condivisione: su http://www.streeteat.it sarà possibile per gli utenti scoprire i piatti e il concept Delò mentre per scoprire su https://business.streeteat.it/it le aziende potranno prendere parte alla eatlosophy.

Streeteat
Streeteat è una startup fondata nel 2015 da Giuseppe Castronovo, CEO e founder.
Inizialmente nasce come un aggregatore di food truck attraverso l’utilizzo di un’app per poi divenire un vero e proprio marketplace richiesto agli eventi. Sviluppa poi un servizio di catering per creare successivamente Food Court per grandi eventi come quello del Fuori Salone di Milano.

Il suo team, si trova a Milano nell’ex Fabbrica Richard Ginori, dove Streeteat ha creato un vero e proprio showroom all’interno del quale è possibile trovare vari food truck e vedere in anteprima Delò.

Scroll to top