I driver per la crescita? Sostenibilità e credibilità secondo Tempocasa

«si struttura secondo lo schema del franchising puro. Questo modello di business prevede che una società madre (il franchisor), a fronte della stipula di un contratto di affiliazione e del pagamento di un diritto d’ingresso (e di canoni periodici, se previsti), conceda al proprietario di un punto vendita (il cosiddetto franchisee) il diritto di utilizzo della propria formula commerciale (intesa come “pacchetto completo”, dall’uso del brand a quello delle tecniche già collaudate)».

Valerio Vacca, direttore comunicazione e marketing del Gruppo Tempocasa

Come si può intuire, sottolinea Vacca:

«questa formula ha un doppio vantaggio: da una parte consente al franchisor di estendere più rapidamente la sua organizzazione di distribuzione a livello geografico, dall’altra dà la possibilità al franchisee di ridurre drasticamente i rischi d’avviamento dell’attività. Nella nostra rete, per ogni affiliato Tempocasa (ossia per ogni titolare di un’agenzia biancoverde), è previsto il pagamento del diritto d’ingresso all’apertura dell’ufficio e poi il saldo di una royalty fissa mensile di affiliazione. Non solo: la casa madre mette a disposizione una serie di servizi correlati, che vengono erogati dal Gruppo e facilitano l’attività di intermediazione immobiliare degli affiliati stessi.
A livello tecnico il nostro franchising si struttura secondo una politica di sviluppo esclusivamente interna, confermandosi una delle poche eccezioni nello scenario immobiliare italiano. Ciò significa che non è prevista una possibile affiliazione da parte di agenti immobiliari esterni che, a un certo punto della loro carriera, decidono di unirsi al marchio Tempocasa
».

Quali valori guidano la vostra azienda?

Ne cito, tra tutti, quattro:

  • forte senso di appartenenza;
  • massima trasparenza;
  • entusiasmo inesauribile ;
  • professionalità indiscussa.

Più in generale, poi, da un paio di anni stiamo incanalando le nostre energie, e i progetti che nascono di volta in volta all’interno della rete, verso il complesso tema della sostenibilità. Una mission, quella appunto della sostenibilità, che intendiamo perseguire a medio e lungo termine sotto ogni punto di vista: ambientale, economico e soprattutto sociale ed etico.

Cosa serve e quanto costa aprire un’agenzia?

Innanzitutto, il collaboratore che decide di aprire una propria agenzia Tempocasa deve avere l’abilitazione come agente di affari in mediazione (quello che, in gergo, viene definito il patentino). Parallelamente, deve aver completato il percorso formativo all’interno dell’azienda. Questo significa aver partecipato a tutti i corsi firmati da Tempocollege e Beautifulminds: il primo è il dipartimento interno del Gruppo, che si concentra sulle nozioni tecniche relative al nostro processo di produzione e all’attività pura di intermediazione immobiliare; la seconda è la scuola di formazione che si occupa appunto di formazione, ma in senso più ampio, toccando aspetti umani e caratteriali.
Per quanto riguarda l’apertura di una nuova agenzia, è necessario calcolare un investimento di circa 50mila euro. Questa somma include la ristrutturazione del negozio che si è scelto, l’arredo completo del negozio stesso, la quota d’ingresso nel franchising e l’attivazione dei servizi
necessari per l’attività di intermediazione immobiliare.

Quali sono i servizi che offrite agli affiliati?

I servizi che Gruppo Tempocasa mette a disposizione dei suoi affiliati sono molteplici: dalla formazione tecnica e personale ai servizi digitali, passando per comunicazione, marketing e merchandising. A cui si aggiungono la mediazione creditizia, le assicurazioni, la consulenza legale e tecnica, l’organizzazione di eventi e team building e tutte quelle attività che garantiscono la riconoscibilità del brand, grazie anche al supporto costante da parte del team manageriale.

Quanti affiliati avete? E qual è l’andamento degli ultimi anni?

A maggio 2021 abbiamo tagliato l’importante traguardo dei 500 punti vendita operativi in Italia, con un anno di anticipo rispetto alla tabella di marcia che ci eravamo prefissati. In generale, possiamo dire con soddisfazione che l’andamento della rete è positivo se consideriamo che registriamo una crescita annua che varia dal 15 al 20%.

È il momento giusto per investire nel franchising immobiliare? Perché?

Di sicuro è il momento giusto per associarsi a un marchio solido come quello di Tempocasa. Il mercato immobiliare sta andando in una direzione ben specifica: oggi i clienti cercano credibilità e sostegno nella compravendita da parte di una struttura – come la nostra – che può garantire standard qualitativi e quantitativi elevati.

Qual è il segreto per aprire un’agenzia di successo?

Non ho dubbi: la preparazione dei collaboratori che la compongono e la animano. Una preparazione data dalla continua formazione e dal costante aggiornamento sulle normative del settore, sull’andamento del mercato e sugli strumenti digitali che evolvono rapidamente.

Quali sono i progetti futuri?

Abbiamo un obiettivo di sviluppo che non possiamo ancora comunicare e che ufficializzeremo nei prossimi mesi, in occasione del Congresso Internazionale Tempocasa 2021.

Perché scegliere Tempocasa?

Dal punto di vista del collaboratore o dell’affiliato perché la nostra è un’azienda che cerca il costante miglioramento e, anche quando sbaglia, si focalizza sulla soluzione.
Dal punto di vista del cliente perché Tempocasa ha veramente a cuore la sostenibilità e la credibilità nel lungo periodo. E questo è merito della lungimiranza di una proprietà che ha fondato il Gruppo su principi sani e, al tempo stesso, ha saputo rinnovare la sua “creatura”, favorendo un ricambio generazionale grazie a un management cresciuto in seno alla rete.

Registrati alla newsletter