I paesi con più donne in parlamento nel 2024

Negli ultimi decenni, si è assistito a un aumento significativo della rappresentanza femminile nei parlamenti di diverse nazioni in tutto il mondo. Questo cambiamento riflette un’impegno crescente per l’uguaglianza di genere e la partecipazione politica delle donne. In questo testo, esploreremo alcuni dei paesi con la maggior presenza femminile nei loro parlamenti e l’impatto di questa tendenza.

I paesi con più donne in parlamento negli ultimi anni

In prima fila per il numero di donne in parlamento c’è il Ruanda, dove le donne detengono più del 60% dei seggi e che nel 2008 è diventato il primo paese ad avere un parlamento a maggioranza femminile. Le donne sono più numerose degli uomini anche a Cuba (56%) e in Nicaragua (52%).

Nuova Zelanda, Messico, Andorra ed Emirati Arabi Uniti presentano una divisione di genere uniforme, mentre Islanda, Costa Rica, Svezia e Sud Africa non sono lontani.

Da notare è che gli Emirati Arabi Uniti non avevano donne nel Consiglio Nazionale Federale prima del 2006, ma hanno raggiunto la parità di genere nel 2019 a seguito di un decreto presidenziale.

Altri paesi che stanno facendo passi da gigante

Anche Dominica, Ciad, Mali e Uzbekistan hanno compiuto progressi significativi negli ultimi anni.

Una nuova legge sull’empowerment di genere in Sierra Leone, dove le donne detengono il 13% dei seggi, garantirà che costituiscano almeno il 30% del parlamento e del gabinetto.

A livello mondiale, solo un quinto dei ministri del governo sono donne e spesso a loro vengono assegnati portafogli incentrati su salute, famiglia, affari sociali o ambiente.

I paesi che hanno nominato un gabinetto a maggioranza femminile o paritario includono Spagna, Albania, Colombia, Canada e Francia.

Paesi che vanno male per il numero di donne in parlamento

Lo Yemen non ha donne nella Camera bassa e solo una nella Camera alta. Lo scorso anno il parlamento di Vanuatu, arcipelago nel Sud Pacifico, inoltre ha accolto una donna parlamentare sola, la prima dal 2008.

Le donne detengono meno del 10% dei seggi in più di 20 paesi tra cui Nigeria (3,9%), Qatar (4,4%) e Iran (5,6%).

Nonostante abbia avuto il primo primo ministro donna nel 1960, lo Sri Lanka è un altro paese ritardatario, con le donne che rappresentano circa il 5,3% del parlamento negli ultimi 25 anni.

Inoltre, sebbene il Giappone abbia visto un numero record di donne elette nel 2022, detengono ancora solo il 10% dei seggi nella Camera bassa, molto al di sotto di altre grandi economie.

I paesi che arretrano

Algeria e Tunisia sono i principali paesi che arretrano, diminuendo l’accesso alla rappresentanza femminile in parlamento. Nel 2021, l’Algeria ha visto la percentuale di donne in parlamento scendere dal 26% all’8% a seguito delle modifiche al sistema delle quote.

La battuta d’arresto è arrivata nonostante le donne rappresentassero il 37% dei candidati. L’IPU ha affermato che le modifiche alla legge elettorale sono state esacerbate da una palese discriminazione, con i volti delle donne spesso offuscati nei materiali elettorali e le loro foto sostituite con avatar vuoti sulle schede elettorali.

In Tunisia, il numero delle donne parlamentari è destinato a crollare a seguito delle recenti elezioni nel paese nordafricano, tradizionalmente considerato un leader regionale per i diritti delle donne. Come in Algeria, le donne tunisine affermano che i cambiamenti nel sistema elettorale hanno reso più difficile per loro competere e conquistare seggi.

In Afghanistan, il gruppo islamico talebano ha cancellato le donne dalla vita pubblica da quando ha conquistato il paese nel 2021. Prima della presa del potere, le donne detenevano il 27% dei seggi nell’ormai defunta Assemblea Nazionale. Molte ex-parlamentari donne hanno dovuto abbandonare il paese per paura di ripercussioni.

Leggi anche: 2024, anno elettorale record con 76 paesi alle urne: ecco le elezioni più cruciali

Leggi anche...
Imprese d'Eccellenza
Enel Logo
ING Direct Logo
Continental Logo
Bottega Veneta Logo
Vodafone Logo
UBI Banca Logo
Pfizer Logo
Philip Morris Logo
Scarpe & Scarpe Logo
World Excellence – Sistemi PMI
WorldExcellence PMI
I più recenti
Classifica Forbes 2024, chi sono i più ricchi d’Italia?
Dario Locatelli nuovo CEO in Allianz Trade GCC
I paesi più democratici al mondo, ecco la classifica
DAZN potenzia la versione gratuita con la nomina della nuova CEO per la modalità Freemium
Elezioni USA, quanto costano? Ecco le più costose nella storia americana

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.