Obbligazioni: quali tipologie esistono e in cosa si differenziano

Le obbligazioni non sono tutte uguali ed è fondamentale affidarsi agli esperti per scegliere il prodotto di investimento più adatto.

Le obbligazioni non sono tutte uguali e, sebbene sia fondamentale affidarsi agli esperti per scegliere il prodotto di investimento più adatto al proprio profilo finanziario, sapere dove si sta mettendo il proprio capitale e che cosa ci si potrebbe aspettare in caso di oscillazioni dei mercati è importante.

In rete è possibile trovare guide dettagliate che permettono ad esempio di scoprire di più sui BTP 2067, ossia obbligazioni con scadenza a 50 anni emesse dal Dipartimento del Tesoro Italiano, o su numerose altre obbligazioni.

In questo articolo non focalizzeremo l’attenzione su specifiche obbligazioni, ma spiegheremo quali tipologie esistono e in che cosa differiscono tra loro.

Obbligazioni ordinarie

Le obbligazioni ordinarie sono la tipologia più semplice, all’interno della quale rientrano anche i titoli di Stato.

Caratterizzate da un livello di rischio medio-basso, determinato principalmente dal rischio di emittente, ma anche da quelli di liquidità e di interesse, prevedono, alla data di scadenza, il ritorno del capitale comprensivo dello scarto di emissione, più interessi, in molti casi pagati attraverso cedole periodiche.

Questa tipologia di obbligazioni può essere ulteriormente suddivisa tra quelle:

  • a tasso fisso: gli interessi non cambiano nel tempo, ma, in caso di variazioni del tasso di interesse, il titolo può subire variazioni di prezzo;
  • a tasso variabile: il valore delle cedole periodiche viene ricalcolato in base all’andamento dei tassi di interesse, i quali hanno meno effetto sul valore complessivo del titolo.

Obbligazioni strutturate

Più complesse delle precedenti, le obbligazioni strutturate sono composte da una parte del tutto simile alle comuni obbligazioni ordinarie, dunque con rischio medio/basso e cedola periodica, e un contratto derivato, il cui rendimento viene calcolato a partire da un indice o una combinazione di indici, una valuta o altri elementi finanziari, i quali portano a un innalzamento del rischio.

A seconda dei casi, si possono avere obbligazioni strutturate con:

  • capitale garantito: anche in caso di andamento negativo, l’investitore sarà tutelato e potrà tornare in possesso del capitale investito;
  • capitale non garantito: l’investitore si assume un rischio più elevato e, allo scadere dei titoli, potrebbe non tornare in possesso del proprio capitale o di una parte di esso.

Obbligazioni subordinate

Tra le varie tipologie di obbligazioni rientrano quelle subordinate, le quali presentano un rischio più elevato se rapportate alle ordinarie.

Nel caso in cui l’emittente fallisse e non fosse in grado di sostenere i pagamenti delle cedole periodiche o di restituire il denaro ricevuto, il rimborso del creditore in possesso di questa tipologia di obbligazioni sarebbe subordinato a quello di altri creditori, ad esempio di quelli in possesso di obbligazioni ordinarie o subordinate di livello superiore.

Altre tipologie di obbligazioni

Oltre a quelle appena viste, esistono numerose altre tipologie di obbligazioni, come quelle convertibili, le quali, a certe condizioni o a una data prestabilita, possono essere trasformate in azioni, e quelle callable, che consentono di ottenere il rimborso prima della data di scadenza.

Leggi anche...
Imprese d'Eccellenza
Enel Logo
ING Direct Logo
Continental Logo
Bottega Veneta Logo
Vodafone Logo
UBI Banca Logo
Pfizer Logo
Philip Morris Logo
Scarpe & Scarpe Logo
Falck Renewables Logo
BMW Logo
EnergyDrive Logo
I più recenti
Imprese di eccellenza l'ascesa di Ferrero, multinazionale italiana tra tradizione e innovazione

Imprese di eccellenza: l’ascesa di Ferrero, multinazionale italiana tra tradizione e innovazione

start up da seguire 2024

I nuovi pionieri della tecnologia e dell’innovazione: 10 startup da seguire nel 2024

paesi più visitati al mondo turismo

I 10 paesi più visitati al mondo: alla scoperta delle principali destinazioni turistiche

olimpiadi parigi 2024 quanto costano

Olimpiadi di Parigi 2024, quanto costano? Un’analisi del giro d’affari

Il potere del CEO branding come sviluppare e rafforzare l'immagine del leader aziendale

Il potere del CEO branding: come sviluppare e rafforzare l’immagine del leader aziendale

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.