NATO, quali paesi ne fanno parte? Ecco gli ultimi ad aderire

La NATO è un'alleanza militare composta da 31 paesi membri del Nord America e dell'Europa. L'organizzazione è stata costituita nel 1949.

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022 segna la seconda volta che i due paesi entrano in guerra nell’ultimo decennio e la più grande guerra terrestre in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale. Sebbene molti paesi abbiano punito la Russia con un’ampia gamma di sanzioni, permangono ancora preoccupazioni di fondo in tutta Europa.

In risposta a ciò, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) ha spostato forze militari nei paesi attorno all’Ucraina, fornendo una difesa comune ai suoi paesi membri e svolgendo allo stesso tempo un ruolo di pacificatore e umanitario nella regione.

Cos’è la NATO e perché è stata costituita?

La NATO è un’alleanza militare composta da 31 paesi membri del Nord America e dell’Europa. L’organizzazione è stata costituita nel 1949 come organizzazione di difesa collettiva per contrastare l’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda.

Il suo scopo principale oggi è quello di promuovere la cooperazione in materia di sicurezza e difesa tra i suoi membri, fungendo anche da forum per la consultazione e il coordinamento su questioni politiche e di sicurezza.

Cos’è l’Articolo V?

L’Articolo V è una disposizione cruciale all’interno del trattato istitutivo della NATO che afferma che un attacco ad un paese membro sarà considerato un attacco a tutti i paesi membri. Significa l’impegno di difesa collettiva tra i membri della NATO.

Quando un membro viene attaccato, ci si aspetta che tutti gli altri paesi della NATO assistano gli alleati, anche con la forza militare.

La NATO ha invocato l’Articolo V per la prima e unica volta quando si è unita agli Stati Uniti nella guerra in Afghanistan dopo l’attacco terroristico dell’11 settembre 2001.

Quali paesi fanno parte della NATO e come vi aderiscono?

Qualsiasi stato europeo può aderire dopo essere stato invitato all’unanimità dai membri della NATO. Dal 1949, l’alleanza è cresciuta da 12 a 31 membri, con l’adesione della Finlandia nel 2023. Sia la Finlandia che la Svezia sono state invitate ad aderire alla NATO al vertice di Madrid del 29 giugno 2022.

La Finlandia è entrata nella NATO il 4 aprile 2023, portando il totale dei paesi membri a 31. Ecco gli attuali Paesi membri della NATO per anno di ammissione:

  • 1949 – Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Regno Unito, Stati Uniti

  • 1952 – Grecia, Turchia

  • 1955 – Germania Ovest (La Germania Est e Ovest furono unificate nel 1990)

  • 1982 – Spagna

  • 1999 – Repubblica, Ceca Ungheria, Polonia

  • 2004 – Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia, Slovenia

  • 2009 – Albania, Croazia

  • 2017 – Montenegro

  • 2020 – Macedonia del Nord

  • 2023 – Finlandia

In base al trattato NATO, qualsiasi stato europeo può aderire dopo essere stato invitato all’unanimità dai membri.

Quali paesi vogliono aderire alla NATO?

Tre paesi hanno dichiarato il desiderio di aderire all’alleanza: Bosnia ed Erzegovina, Georgia e Ucraina. La Bosnia-Erzegovina partecipa a un programma NATO per aspiranti membri dal 2010.

I membri dell’Alleanza hanno concordato nel 2008 che Georgia e Ucraina sarebbero diventate membri della NATO in futuro, sebbene non vi sia una tempistica.

La Svezia, invitata ufficialmente dalla NATO dal luglio 2022, prevede di aderire come 32esimo membro nel 2023.

Quanto costa far parte della NATO?

Ogni membro contribuisce a un fondo comune basato sulle dimensioni della sua economia complessiva. Il bilancio del fondo comune della NATO – 3,7 miliardi di dollari per il 2023 – copre i costi amministrativi e le infrastrutture militari collettive.

Un esempio di progetto di fondo comune: ospitare veicoli militari, carri armati e artiglieria statunitensi in una base aeronautica polacca. Il magazzino costa 360 milioni di dollari.

Si prevede che gli Stati Uniti copriranno circa il 16% del bilancio della NATO per il 2023 dopo l’adesione della Finlandia in aprile. Tuttavia, il fondo comune della NATO è piccolo rispetto alla spesa prevista per la difesa di ciascuno dei suoi membri.

Oltre ai contributi al fondo comune, ci si aspetta che i paesi membri sostengano la propria difesa nazionale e le spese militari. Nel 2006, un accordo informale tra i membri prometteva che almeno il 2% del prodotto interno lordo (PIL) di ciascun paese sarebbe stato destinato alla difesa nazionale o alle spese militari.

Storicamente, gli Stati Uniti spendono di più nella difesa interna rispetto al resto della NATO. Dopo aver adeguato l’inflazione, la spesa totale per la difesa dei paesi NATO non statunitensi ha toccato il minimo recente di 308 miliardi di dollari nel 2016. È aumentata del 14,7% raggiungendo 353,4 miliardi di dollari nel 2022. Nello stesso periodo la spesa totale per la difesa interna degli Stati Uniti è aumentata del 4,0%, passando da 790,0 miliardi di dollari a 821,8 miliardi di dollari.

Leggi anche...
Imprese d'Eccellenza
Enel Logo
ING Direct Logo
Continental Logo
Bottega Veneta Logo
Vodafone Logo
UBI Banca Logo
Pfizer Logo
Philip Morris Logo
Scarpe & Scarpe Logo
Falck Renewables Logo
BMW Logo
EnergyDrive Logo
I più recenti
Imprese di eccellenza l'ascesa di Ferrero, multinazionale italiana tra tradizione e innovazione

Imprese di eccellenza: l’ascesa di Ferrero, multinazionale italiana tra tradizione e innovazione

start up da seguire 2024

I nuovi pionieri della tecnologia e dell’innovazione: 10 startup da seguire nel 2024

paesi più visitati al mondo turismo

I 10 paesi più visitati al mondo: alla scoperta delle principali destinazioni turistiche

olimpiadi parigi 2024 quanto costano

Olimpiadi di Parigi 2024, quanto costano? Un’analisi del giro d’affari

Il potere del CEO branding come sviluppare e rafforzare l'immagine del leader aziendale

Il potere del CEO branding: come sviluppare e rafforzare l’immagine del leader aziendale

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.