06 03 2017

Mercati finanziari: a che punto è il processo d'integrazione
Regole e vigilanza restano ancora molto difformi tra i Paesi della Ue e possono penalizzare gli investitori retail. In un sistema integrato, invece, i risparmi delle famiglie potrebbero fluire liberamente verso le imprese e l'economia reale. Cosa è stato fatto finora e quanta strada resta da percorrere per raggiungere l'obiettivo? Se n'è parlato in una tavola rotonda all'Università Cattolica di Milano Guido Sirtoli

Molto è stato fatto ma ancora molto c’è da fare. Sia sul fronte di regole comuni e condivise tra tutti gli Stati membri per il buon funzionamento dei mercati sia su quello della distribuzione delle risorse, trasferendo il risparmio privato delle famiglie alle piccole e medie...


Per leggere l'intero articolo devi essere un utente registrato.


Clicca qui per registrarti gratuitamente oppure compila il form per effettuare il login

Email:

Password:



Hai dimenticato la password?

altri articoli
IN EDICOLA

L'EDITORIALE
In Italia resta forte la resistenza al cambiamento

L'Italia è il Paese europeo rimasto più a lungo ai margini del processo di liberalizzazione e di integrazione finanziaria internazionale. Per diversi anni il sistema di potere si è concentrato nello stretto rapporto tra banche pubbliche grandi imprese e politica.

Leggi tutto

Powered by Share Trading

Everlasting
I piú letti
Le strategie del risparmio al tempo dei tassi a zero

06/04/2016

L'industria del risparmio gestito, con la raccolta record del 2015 (oltre 140 miliardi)

Hsbc Global Asset Management lancia due nuovi fondi sul mercato italiano

14/03/2016

HBSC Global Asset Management amplia la gamma di fondi disponibili per il mercato itali